La storia del professor Armando Ferraro narrata dal nipote Mario Mignola

 

    Lo zio Armando era figlio di Amalia e di Celestino Ferraro, i miei nonni materni.

    La sua vita Ŕ degna di particolare citazione per la sua grande intelligenza e la sua grande capacitÓ di capire e risolvere i problemi. Nacque a Porto Said il 24/12/1895 e morý a Miami (negli Stati Uniti) il 1/7/1982. Conseguý la laurea nel 1924 in medicina a soli 20 anni! E' il caso di dire che fu un "enfant prodige" tanto Ŕ che le cronache del tempo ne evidenziarono "l'exploit" con un lusinghiero commento pubblicandone persino la foto sui giornali.

    Vincitore di borse di studio in Olanda e negli Stati Uniti, opt˛ per quella americana presso l'universitÓ di Washington. Mente eletta, non tard˛ ad emergere professionalmente al punto di raggiungere la notorietÓ in campo internazionale.

    Partecipava a cicli di conferenze nelle universitÓ americane ed europee. Fu il primo a capire l'importanza della psichiatria e, scorporandola da quella di neurologia ove vi era solitamente associata, ne fece istituire una cattedra autonoma. Ci˛ avvenne nel maggio 1950 a seguito di una sua celebre conferenza su argomenti di psico-somatica svoltasi presso l'UniversitÓ di Milano e presentata dal prof. Riquez, direttore della Clinica di Neurologia. A seguito nacque anche la facoltÓ di Psichiatria. Il primo responsabile della nuova cattedra da noi in Italia, fu l'allora prof. Lorenzo Cazzullo dell'UniversitÓ di Milano.

    Affermatosi in campo mondiale svolse lezioni di psichiatria presso l'UniversitÓ di Parigi ed al Cairo, ove venne insignito con medaglia d'oro nel 1966 conferitagli dal corpo accademico egiziano alla presenza di innumerevoli personalitÓ locali ed internazionali. Il "Journal d'Egypte" ne diede ampio resoconto.

    Nel febbraio 1966, a seguito di una delle sue tante conferenze, gli fu affidata un'ampollina contenente un lobo del cervello di Mussolini per effettuarvi esami, studi e deduzioni. Di ci˛ fu dato ampio risalto nel "Mattino" di Napoli il 12/2/1966.

Dall'Album dei ricordi dell'aprile 1966: da destra il prof. Ferraro, mia sorella Gianna, mio cugino Nino; da sinistra mio cognato Ahmed, Norma, moglie del professore, e, per chiudere in bellezza, io, Mario, sulla soglia dei miei giovanili 50 anni!!

Torna alla pagina indice

Home page